Tecarterapia

Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo per il trattamento e la prevenzione di traumi e infortuni.

Cos’è?

T.E.CA.R. sta ad indicare Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo, ovvero il modo in cui la Tecar-terapia trasferisce energia ai tessuti per mezzo di un campo elettromagnetico.

Queste “correnti di spostamento” inducono 3 effetti: chimico, meccanico e termico.

Sinonimi possono essere “diatermia da contatto”, “diatermia a radiofrequenza” o “diatermia capacitiva resistiva”. È un mezzo fisico in grado di generare calore endogeno, ovvero prodotto dalle cellule interne stesse.

La Tecarterapia è una terapia strumentale straordinaria per coadiuvare l’intervento del fisioterapista; è sicuramente tra le più utilizzate dai fisioterapisti in Italia e uno dei più prescritti da ortopedici, fisiatri e medici dello sport.

Per chi è utile?

La Tecarterapia può essere utilizzata nel trattamento dei traumi acuti, come nelle patologie croniche ma anche nella prevenzione agli infortuni e nei trattamenti pre-gara. Nello specifico, è molto utile in caso di:

  • TRAUMI CONTUSIVI O DISTORSIVI;
  • RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA;
  • TRAUMATOLOGIA SPORTIVA;
  • PATOLOGIE MUSCOLARI E TENDINEE;
  • ESITI CICATRIZIALI;
  • PATOLOGIE DEL RACHIDE E DELLE ARTICOLAZIONI PERIFERICHE;
  • PATOLOGIE DEL SISTEMA VASCOLARE E LINFATICO;
  • PATOLOGIE DEL SISTEMA NERVOSO DI ORIGINE ORTOPEDICA;
  • RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO;
  • FISIOTERAPIA ESTETICA (DERMATOFUNZIONALE).

Quali sono i benefici?

L’utilizzo del calore come cura delle più svariate patologie è nota da moltissimi anni: fornisce sollievo nelle condizioni croniche, traumatiche e infiammatorie, incrementa il flusso sanguigno migliorando il nutrimento e l’ossigenazione delle cellule e accelerando lo smaltimento delle tossine; migliora l’estensibilità del tessuto connettivo, riduce la rigidità articolare, il dolore e lo spasmo muscolare, facilita il riassorbimento di ematomi ed edemi.

La vasodilatazione ottenuta con il calore provoca un aumento degli scambi di sostanze che favorisce il drenaggio del sito infiammato e l’afflusso locale di cellule deputate ai processi riparativi.

I meccanismi fisiologici attivati dalla Tecarterapia sono molteplici:

  • Miglioramento dell’afflusso arterioso con incremento dell’apporto di sostanze nutritizie ed ossigeno (riduzione delle tensioni muscolari);
  • Miglioramento del deflusso venoso linfatico con più efficiente espulsione di tossine e cataboliti (riduzione dell’infiammazione);
  • Miglioramento dell’equilibrio di membrana di tutte le cellule presenti nell’area trattata e aumento del metabolismo;
  • Potenziamento e sinergia con principi attivi che si vogliono veicolare come trattamenti topici.

Cosa distingue la Tecarterapia del Centro Salute Neri?

  • Formazione continua ed avanzata sul suo utilizzo: la tecarterapia è un mezzo fisico in cui l’impostazione dei parametri del dispositivo (es. quanta potenza? Quanta frequenza? Quanto tempo per il trattamento? Applicazione capacitiva o resistiva?) e le abilità manuali del fisioterapista sono fondamentali ai fini della cura della persona;
  • Macchinario di alta tecnologia: utilizziamo il più efficace, completo e sicuro attualmente sul mercato. L’unico, per di più, che permette 4 diversi tipi di applicazione sul paziente:
    1. Applicazione base;
    2. Applicazione integrata con la massoterapia, il fisioterapista aggiunge all’applicazione base manovre di massoterapia per avere una migliore efficacia, in particolare sul tessuto muscolare;
    3. Applicazione integrata con la terapia manuale, il fisioterapista utilizza l’elettrodo come fosse l’estensione della sua mano associando l’effetto terapeutico della tecarterapia con quello specifico del movimento delle articolazioni;
    4. Applicazione integrata con l’esercizio terapeutico, il fisioterapista può scegliere piastra e elettrodi adesivi o in alcuni casi utilizzare due manipoli per far sì che il paziente possa compiere degli esercizi attivi mentre esegue la seduta terapeutica.

Quest’ultima modalità è estremamente potente in quanto consente di lavorare direttamente sui movimenti che possono essere limitati o dolenti producendo un recupero funzionale più veloce.

Quali sono le controindicazioni?

La tecarterapia è un mezzo fisico che, utilizzando le radiofrequenze, stimola la biologia del tessuto. Questo tipo di energia e l’effetto che comporta sul paziente non possono essere effettuati in alcuni casi.

Come tutti gli elettromedicali, anche la tecarterapia presenta delle controindicazioni assolute, per le quali il trattamento non deve essere effettuato per nessun motivo, e delle controindicazioni relative dove a seconda dei casi o del distretto specifico da trattare, il fisioterapista può eseguire l’applicazione.

Le controindicazioni assolute per il trattamento di tecarterapia sono principalmente 5:

  1. pazienti affetti da neoplasie;
  2. Pazienti in stato di gravidanza;
  3. Pazienti in età pediatrica;
  4. Pazienti portatori di pacemaker o qualsiasi altro device non scollegabile dal corpo: come ad esempio il device utilizzato dai diabetici per l’insulina;
  5. Pazienti che soffrono di epilessia.

Le controindicazioni relative invece:

  1. Pazienti in stato influenzale e/o febbrile;
  2. Pazienti portatori di protesi, in particolare quelle utilizzate in passato;
  3. Pazienti con ferite aperte;
  4. Pazienti con diabete o patologie che alterano la sensibilità cutanea e che non sono in grado di percepire l’aumento del  livello di calore sulla pelle;
  5. Pazienti psichiatrici che possono avere comportamenti o compiere azioni che metta in pericolo la loro incolumità durante il trattamento.

Richiedi un appuntamento

Utilizza il form di contatto per inviare una e-mail o chiama il Centro Salute Neri. Il nostro staff è a tua completa disposizione.

Compila questo campo
Compila questo campo
Compila questo campo
Compila questo campo
Seleziona un'opzione
Compila questo campo
Devi accettare i termini per procedere
Verifichiamo che tu non sia un robot! 22 - 8 = ?
Inserisci il risultato dell'equazione per procedere