borsite-alla-spalla

La borsite alla spalla: cause e rimedi

Torniamo a parlare dei disturbi che interessano la spalla andando ad approfondire la cosiddetta borsite, una delle patologie più diffuse a carico di questa articolazione. Propriamente si parla di S.A.D., o di borsite sub-acromiale, ovvero un’infiammazione della borsa sierosa della spalla, quella che si trova tra i muscoli deltoide, l’acromion e il sovraspinoso. Le borse sierose (nell’organismo ce ne sono centinaia e quelle più grandi si trovano in prossimità delle principali articolazioni, come la spalla) hanno lo scopo di ridurre l’attrito che si crea tra ossa, muscoli e tendini.

Perché viene la borsite alla spalla?

Quando si parla di borsite alla spalla si fa riferimento a una condizione che può essere classificata in tre diversi gruppi:

  • borsite cronica;
  • borsite infetta;
  • borsite traumatica.

La prima forma è quella che si sviluppa senza una causa scatenante diretta e generalmente è legata a problemi del movimento che provocano un sovraccarico funzionale tale da provocare il gonfiore tipico della borsa sierosa.

La borsite infetta è la forma più grave in quanto vi è una vera e propria infezione batterica che può diffondersi nel resto del corpo causando altri disturbi.

La forma traumatica è quella tipica degli atleti causato da un’eccessiva mobilità della spalla o da uno sfregamento ripetuto dell’estremità contro una superficie dura.

Oltre alle cause traumatiche e di sovraccarico la borsite alla spalla può essere causata da disturbi cervicali, tendiniti, calcificazioni, ma anche diabete, artrite e malattie della tiroide così come problemi di postura derivati da uno scorretto utilizzo dello smartphone o del mouse del pc. Lo svolgimento di alcuni lavori o attività agonistiche che richiedono un uso usurante del distretto della spalla può essere considerato un fattore di rischio per lo sviluppo della borsite alla spalla.

I sintomi della borsite alla spalla

Il sintomo principale della borsite alla spalla è la comparsa del dolore nella zona anteriore della spalla e un calore nella zona oggetto dell’infiammazione. Questo è un dolore che può essere trattato prontamente e portare a una rapida guarigione, ma che può avere un’intensità lieve ma anche intensa e tale da impedire l’uso dell’articolazione. Il dolore peggiora quando si solleva il braccio o quando si fanno determinati movimenti così come quando si subisce una pressione sulla parte superiore della spalla.

Come si guarisce dalla borsite alla spalla?

La visita ortopedica è il primo step cui sottoporsi per confermare la diagnosi della borsite alla spalla. Gli esami che possono rivelarsi utili per la diagnosi sono l’ecografia, la risonanza magnetica, la radiografia e altri esami di laboratorio che se contestualizzati possono escludere altre patologie e aiutare il medico a individuare la patologia e la causa scatenante.

La guarigione dalla borsite alla spalla può richiedere diverso tempo sia in base alla causa che ne determina la formazione che alla presenza di eventuali complicazioni che possono peggiorare la situazione. Non bisogna nemmeno sottovalutare il rischio di recidive soprattutto nei soggetti maggiormente a rischio e quelli che non si sottopongono a un corretto trattamento.

Il dolore tipico della borsite alla spalla può durare diverse settimane e il trattamento prevede innanzitutto la gestione della fase acuta e, successivamente, il recupero del movimento dell’articolazione.

Nella prima fase il trattamento prevede il trattamento dei sintomi ed è finalizzato alla riduzione del dolore. In questo senso è fondamentale il riposo e non sovraccaricare ulteriormente la spalla dolorante. Anche la posizione assunta per dormire può essere compromessa dalla borsite alla spalla ed è quindi necessario sospendere ogni attività che provoca dolore e aggrava la situazione. Parallelamente va valutato il ricorso alla fasciatura della spalla o applicare impacchi di ghiaccio per 3-4 volte al giorno per circa 15 minuti. Previa valutazione medica è possibile valutare anche il ricorso a farmaci e infiltrazioni di cortisone per ridurre il dolore e supportare la fase successiva del trattamento.

Già dalla prima fase è fondamentale il ricorso alla fisioterapia per correggere i danni provocati dalla borsite alla spalla, agendo direttamente alla base del problema. È importante precisare che a curare la borsite alla spalla non è una generica seduta di fisioterapia, ma un percorso preciso che lo specialista elabora sulla base delle necessità specifiche di ogni paziente. La fisioterapia si avvale della terapia manuale, della laserterapia, della tecarterapia, del trattamento con onde d’urto ed esercizi terapeutici destinati a consentire una rieducazione posturale e propriocettiva dell’articolazione, oltre che a un rinforzo dei muscoli adiacenti.

Per una diagnosi e l’avvio di un percorso terapeutico che ti aiuti a guarire dalla borsite alla spalla richiedi un appuntamento con i nostri specialisti; il nostro è un centro specializzato nella gestione e cura dei disturbi a carico delle spalle.

Ultimi post

Categoria: Spalla in salute

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere